Skip to main content
Condividi:

I CAMBIAMENTI DI OGGI METTONO IN DUBBIO LE PENSIONI DI DOMANI

Il sistema pensionistico italiano, così come quello della maggior parte dei Paesi, si basa sul principio della Ripartizione: i contributi previdenziali versati dai lavoratori sono utilizzati per pagare le pensioni di chi non lavora più.

Si tratta di un sistema che s’è finora rivelato solido ma il meccanismo adesso è messo in crisi da tre fenomeni:

  • La natalità è fortemente diminuita. La percentuale di giovani nella popolazione italiana è quasi dimezzata rispetto agli anni ’50.
  • Si inizia a versare i contributi più tardi. Tirocinio, stage, gavetta, sono tanti gli step preliminari prima di iniziare a lavorare stabilmente e anche a quel punto lo scenario resta comunque precario.
  • La speranza di vita in Italia cresce velocemente. Negli ultimi 50 anni siamo passati da una durata media della vita di 70 anni a 85 anni.

OGGI IN ITALIA CI SONO 168 ANZIANI OGNI 100 GIOVANI

 

Un sistema che chiede alla minoranza della popolazione di contribuire al sostentamento della maggioranza non può che andare in tilt! Il trend non accenna ad invertire la tendenza e la piramide previdenziale italiana è destinata a rovesciarsi.

LEGGI LA GUIDA COMPLETA SUI TREND PENSIONISTICI




    QUALCOSA È GIÀ CAMBIATO

    Intervenire oggi su un fenomeno che va avanti da decenni non è semplice e invertire di colpo il trend demografico è impossibile. Ecco perché lo Stato è intervenuto sull’unico fattore modificabile nel breve periodo: l’importo delle pensioni.

    La legge Fornero ha riformato il sistema pensionistico italiano e decretato il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo.

    Con il sistema retributivo potevi andare in pensione con lo stesso reddito percepito durante gli ultimi anni di lavoro. Col sistema contributivo, invece, l’importo della tua pensione è proporzionale ai contributi che hai versato durante la tua vita lavorativa.

    Ma la vita lavorativa di una persona oggi non è lunga e lineare come quella di un tempo e nella quasi totalità dei casi l’importo della pensione è minore di quello percepito durante l’attività lavorativa.

    QUALE FUTURO PER LE PENSIONI ITALIANE?

    Il passaggio dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo sta già mostrando i primi risultati e chi sta andando in pensione con la nuova soluzione, accusa una differenza maggiore tra il reddito lavorativo e quello pensionistico rispetto agli ultimi “fortunati” che ancora rientrano nel sistema di calcolo retributivo.

    Ciò che invece non ha ancora mostrato le proprie ripercussioni sugli importi delle pensioni, è il trend demografico italiano già analizzato, di cui però potremo verificare gli effetti prima del previsto a causa di fattori acceleranti quali il Covid-19 e le situazioni sempre più precarie di chi oggi entra nel mondo del lavoro.

    Cosa dovrà attendersi allora chi andrà in pensione tra dieci, venti o trent’anni?

     

    • Cos’è cambiato col passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo?
    • Come cambierà nei prossimi anni il sistema pensionistico?
    • Quando potrò andare in pensione?
    • Quale importo devo attendermi?

    UN’ESPERTO IN MATERIA PENSIONISTICA PRONTO A RISPONDERE ALLE TUE DOMANDE. FISSA SUBITO UN APPUNTAMENTO



      Indica una data per essere contattato da un nostro operatore



      POST COLLEGATI

      TUTELA E PATRIMONIO
      27 Settembre 2023

      Calamità naturali: in Italia elevata esposizione ma scarsa tutela

      È allarmante la crescita degli eventi meteorologici estremi. Nell’ultimo decennio gli eventi meteorologici estremi in Italia, tra cui piogge intense, grandine e trombe d’aria, sono più che quadruplicati, passando da 348 eventi nel 2011 a 1.602 nel 2021. In totale, tra il 2013 e il…
      TUTELA E PATRIMONIO
      4 Giugno 2023

      6 Consigli per una casa a Prova di Ladro

      Le vacanze estive sono il momento ideale per liberarsi dallo stress accumulato, staccare dal lavoro e fare una pausa dalla frenesia della vita cittadina. È un periodo in cui si desidera un relax completo senza preoccupazioni. Che tu stia progettando…
      UN PERCORSO APERTO AL FUTUROPROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      14 Aprile 2023

      Benessere della pelle: l’importanza della prevenzione

      Il benessere della pelle è un aspetto fondamentale della salute e della bellezza. Prendersi cura della pelle e prevenire i danni causati da fattori esterni, come il sole e l'inquinamento, è essenziale per mantenere una pelle sana, luminosa e giovane.
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      30 Marzo 2023

      Per le future mamme: tutto quello che c’è da sapere

      La gravidanza è un momento in cui i futuri genitori vengono bombardati da un'enorme quantità di informazioni: si trovano consigli da molte fonti, tra cui libri, riviste, siti web, forum ed esperti di ogni tipo. Questa sovrabbondanza di informazioni può…
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      2 Marzo 2023

      Prevenzione e benessere: un approccio olistico al concetto di salute

      Il concetto di salute si è evoluto sostando il suo focus sempre più sulla prevenzione, prima ancora che sulla cura della malattia. Siamo in grado di sapere quali sono i comportamenti da porre in essere per riuscire ad anticipare eventuali…
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      23 Febbraio 2023

      Longevità e invecchiamento: i consigli per mantenersi giovani a ogni età

      Nonostante sull’età cronologica non possiamo fare nulla, la buona notizia è che possiamo riuscire a migliorare la nostra età biologica. Attraverso sane abitudini e comportamenti corretti possiamo mantenerci giovani il più a lungo possibile nelle varie fasi della vita.