Skip to main content
Condividi:

SUPERBONUS 110: GUIDA PRATICA SU COME OTTENERLO E UTILIZZARLO

Il decreto legge Rilancio, convertito con modificazione dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, introduce nuove vantaggiose detrazioni per interventi riguardanti il risparmio energetico “qualificato” (Ecobonus) e il miglioramento antisismico degli edifici (Sismabonus).
Si tratta del così detto Superbonus 110, che ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione per le spese sostenute per specifici interventi in ambito di efficienza energetica e riduzione del rischio sismico.
La misura – salvo proroghe – è valida per gli interventi svolti tra l’1 luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021 ed è rivolta principalmente ai lavori effettuati da condomìni e da persone fisiche.

Quali spese rientrano nel Superbonus 110?

Gli interventi trainanti che possono usufruire del Superbonus 110% sono quelli finalizzati:

  • all’isolamenti termico, come ad esempio la realizzazione del cappotto termico
  • alla sostituzione di impianti di riscaldamento sulle parti comuni o sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
  • al miglioramento antisismico (la detrazione già prevista dal Sismabonus viene elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021).

Tutti gli interventi complementari, fatti in concomitanza con gli interventi trainanti, (isolamento termico, sostituzione impianti di riscaldamento, miglioramento antisismico), usufruiscono del Superbonus 110%. Tra questi ci sono:

  • gli interventi di efficientamento energetico
  • l’installazione di colonnine di ricarica elettrica
  • l’implementazione di impianti fotovoltaici.

Il contribuente può usufruire del Superbonus nei seguenti modi:

  • usufruire della detrazione diretta del 110% in 5 quote annuali di pari importo
  • chiedere alla ditta che effettua i lavori uno sconto in fattura
  • cedere il credito ad un istituto bancario o finanziario, ai fornitori di beni e servizi per la realizzazione degli interventi o ad altri soggetti (persone fisiche, lavoratori autonomi, società ed enti).

Quando posso presentare la richiesta del Superbonus?

La comunicazione va inviata solo in via telematica all’Agenzia delle Entrate dal 15 ottobre 2020 ed entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese. La comunicazione può essere inviata direttamente dal beneficiario dell’agevolazione oppure attraverso un CAF o il servizio web disponibile nell’Area Riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate o attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Inserisci il tuo indirizzo email e ricevi la guida completa e la nostra offerta sul Superbonus 110%




    Quali spese rientrano nella cessione del credito?

    Se, nel 2020 e nel 2021 sostieni spese per interventi:

    • che danno diritto al Superbonus del 110% da dividere in 5 anni;
    • di ristrutturazione edilizia detraibili in 10 anni;
    • di riqualificazione energetica che danno diritto all’Ecobonus o al Sismabonus da dividere in 10 anni;
    • di recupero o restauro delle facciate degli edifici (bonus facciate) da dividere in 10 anni;
    • d’installazione di impianti fotovoltaici;
    • d’installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici;

    Puoi cedere la tua detrazione ai fornitori dei beni o servizi necessari alla realizzazione dell’intervento, a terzi (soggetti privati come altri condomini, società, enti o professionisti) o a istituti di credito o intermediari finanziari.

    Posso ottenere uno sconto in fattura?

    Al posto della detrazione puoi scegliere di ottenere uno sconto in fattura applicato direttamente dal fornitore pari, al massimo, al 100% dell’importo da pagare. Pertanto, se fai un intervento di ristrutturazione che costa 10.000, che dà diritto a una detrazione del 50%, pagherai solo 5.000 euro al fornitore. Se la stessa spesa dà diritto alla detrazione del 110% non pagherai nulla ma non recupererai i 1.000 euro di detrazione aggiuntiva che otterresti indicandola nella tua dichiarazione dei redditi.

    Il fornitore può poi utilizzare la detrazione ottenuta sotto forma di credito d’imposta oppure cederla a sua volta anche a intermediari finanziari o istituti di credito. In particolare, nel caso gli venga ceduto un credito d’imposta da Superbonus, avrà a disposizione anche quel 10% che non ha riconosciuto come sconto in fattura. Ad esempio, per una spesa di 10.000 euro che ha scontato totalmente ottiene un credito d’imposta di 11.000 da utilizzare in 5 anni perché la detrazione originaria prevede questo tempo di recupero della spesa.

    In alternativa puoi cedere il tuo credito d’imposta direttamente ad altri soggetti, che potranno utilizzarlo in compensazione delle imposte dovute con lo stesso numero di rate che prevede la detrazione originaria oppure cederlo a loro volta.

    Posso richiedere la cessione del credito solo per alcune rate?

    L’opzione della cessione può essere effettuata in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori che, con riferimento agli interventi che danno diritto al Superbonus, non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo. Il primo stato di avanzamento, inoltre, deve riferirsi ad almeno il 30% e il secondo ad almeno il 60% dell’intervento medesimo.

    Per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021, è possibile inoltre esercitare l’opzione della cessione del credito anche solo per alcune rate residue. Ad esempio, per una spesa sostenuta nel 2020 puoi scegliere di inserire in dichiarazione le prime due rate e cedere il credito corrispondente alle altre tre. In ogni caso non è possibile recuperare il credito d’imposta non utilizzato nell’anno chiedendolo a rimborso o inserendolo nelle successive dichiarazioni dei redditi.

    Se più persone hanno diritto alla detrazione per la spesa sostenuta, possono decidere ognuna in totale autonomia sull’utilizzo della stessa. Pertanto, anche in caso di interventi condominiali, non deve esser necessariamente il condominio che opta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, ogni condomino può decidere per sé.

    FISSA UN APPUNTAMENTO COL NOSTRO CONSULENTE E SCOPRI COME OTTENERE IL 102% DEL TUO CREDITO IN LIQUIDITÀ FINO AL 31/12/2020



      Indica una data per essere contattato da un nostro operatore



      POST COLLEGATI

      TUTELA E PATRIMONIO
      27 Settembre 2023

      Calamità naturali: in Italia elevata esposizione ma scarsa tutela

      È allarmante la crescita degli eventi meteorologici estremi. Nell’ultimo decennio gli eventi meteorologici estremi in Italia, tra cui piogge intense, grandine e trombe d’aria, sono più che quadruplicati, passando da 348 eventi nel 2011 a 1.602 nel 2021. In totale, tra il 2013 e il…
      TUTELA E PATRIMONIO
      4 Giugno 2023

      6 Consigli per una casa a Prova di Ladro

      Le vacanze estive sono il momento ideale per liberarsi dallo stress accumulato, staccare dal lavoro e fare una pausa dalla frenesia della vita cittadina. È un periodo in cui si desidera un relax completo senza preoccupazioni. Che tu stia progettando…
      UN PERCORSO APERTO AL FUTUROPROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      14 Aprile 2023

      Benessere della pelle: l’importanza della prevenzione

      Il benessere della pelle è un aspetto fondamentale della salute e della bellezza. Prendersi cura della pelle e prevenire i danni causati da fattori esterni, come il sole e l'inquinamento, è essenziale per mantenere una pelle sana, luminosa e giovane.
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      30 Marzo 2023

      Per le future mamme: tutto quello che c’è da sapere

      La gravidanza è un momento in cui i futuri genitori vengono bombardati da un'enorme quantità di informazioni: si trovano consigli da molte fonti, tra cui libri, riviste, siti web, forum ed esperti di ogni tipo. Questa sovrabbondanza di informazioni può…
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      2 Marzo 2023

      Prevenzione e benessere: un approccio olistico al concetto di salute

      Il concetto di salute si è evoluto sostando il suo focus sempre più sulla prevenzione, prima ancora che sulla cura della malattia. Siamo in grado di sapere quali sono i comportamenti da porre in essere per riuscire ad anticipare eventuali…
      PROGETTI E FUTUROIN EVIDENZA
      23 Febbraio 2023

      Longevità e invecchiamento: i consigli per mantenersi giovani a ogni età

      Nonostante sull’età cronologica non possiamo fare nulla, la buona notizia è che possiamo riuscire a migliorare la nostra età biologica. Attraverso sane abitudini e comportamenti corretti possiamo mantenerci giovani il più a lungo possibile nelle varie fasi della vita.